Tu sei quì: Suelli Ieri Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Agosto, 2010 11:02
‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹ OPERAZIONE TRASPARENZA
L'Amministrazione Comunale di Suelli, per migliorare il rapporto fra Cittadini e Pubblica Amministrazione e per ottemperare agli obblighi di legge, rende pubblica la sezione denominata "Operazione Trasparenza....Accedi alle informazioni  



»   Pubblic. di Matrimonio
»   Bandi di Gara
»   AVCP

Il Comune

»   Sindaco
»   Consiglio
»   Giunta
»   Commissioni
»   Pec

Atti Fondamentali

»   Statuto
»   Programma di Governo
»   Regolamenti

Uffici Comunali

»   Ufficio Amm.vo
»   Ufficio Finanziario
»   Ufficio Servizi Sociali
»   Ufficio Tecnico
»   Ufficio Serv. Demo
»   Ufficio Elettorale
»   Polizia Municipale
»   Segretario Comunale

Servizi Sociali

»   Anziani
»   Minori
»   Disabili
»   Sostegno al Reddito
»   Inclusione sociale
»   Giovani
»   Diritto allo Studio

Altri Servizi Comunali

»   Ecocentro
»   Servizio Cimiteriale
»
   Raccolta Differenziata
»   Biblioteca
»   Sportello Orientamento
»   Ludoteca
»   Internet Point

Suelli Ieri  «



Origine del centro storico di Suelli (Villa di Suelli)

I giudicati sardi fra il IX e il XV erano entità statali e amministrative autonome.
L’origine storica dei regni sardi medioevali risiederebbe quindi nell’evoluzione delle antiche circoscrizioni bizantine in entità sovrane autonome, fondendo istituti giuridici romano- bizantino e tradizioni autoctone (usi e istituti di presumibile derivazione dalla civiltà nuragica).
Il centro storico di Suelli ebbe origine “giudicale”, lo testimonia la trama radiale dell’insediamento e la tipologia abitativa; aveva le caratteristiche della villa (o bidda) medioevale facente parte della curatorìa di Trexenta nel Regno giudicale di Càlari.
La “Villa di Suelli” donata intorno al mille dal giudice Torchitorio II al vescovo Giorgio, “Episcupus Barbarie”, primo vescovo noto della Diocesi di Suelli, istituita nel XI secolo,era formata dai territori delle curadorìas di Ogliastra, Barbagia di Sèulo, Quirra, Sarrabus e dall’enclave del territorio della stessa Suelli, assieme al confinante Simieri.
Tale donazione fu successivamente confermata e ampliata, come documenta un atto del 1215, dalla Giudicessa Benedetta de Lacon (“Ego Benedicta de Lacon, po boluntade de Deu potestando parte Kàlaris, fazzulli carta ad Sanctu Jorgi de Suelli…).
Questa donazione, dopo la caduta del Giudicato di Càlari, fu rispettata sia dai giudici del Regno di Arborea sia dai Pisani sia dagli Aragonesi. Con la caduta del Giudicato di Càlari nel 1258, Suelli fece parte del terzo spettante al Regno di Arborea . Infatti nel 1295 il sovrano di Arborea, Mariano II lasciò la terza parte del calamitano al comune di Pisa, ma il testamento fu eseguito solo nel 1300, perciò Suelli divenne solo allora un effettivo possedimento oltremarino della Repubblica comunale pisana.
I giudicati prosperarono sino al XIV secolo, allorché dovettero affrontare, nel 1323, le pretese sulla Sardegna del regno di Aragona. Papa Bonifacio VIII aveva concesso al re Giacomo D’Aragona (1291-1327) una “licentia invadendi” cioè l’autorizzazione a conquistare il Regnum Sardiniae et Corsicae e a contrastare il dominio dei pisani nell’isola.
Dal 1324 Suelli fu parte del Regno catalano-aragonese di Sardegna e le sue rendite furono confermate al vescovo della diocesi.
A causa della guerra fra il Regno catalano-aragonese di Sardegna e il Regno di Arborea, nel 1365 quest’ultimo conquistò il cagliaritano e la Trexenta, riprendendo così la fisionomia della curatorìa giudicale arborense mantenendola fino al 1409.
Ritornato a far parte del Regno di Sardegna, il villaggio tornò in possesso del vescovo di Suelli, sotto il quale, Suelli fu innalzato a baronia (1481/1699) e confermata feudo del vescovo “suellense”.
Nel 1424 il vescovado fu abolito e la baronia passò all’arcivescovo di Cagliari che ottenne il titolo di barone di Suelli e il paese fu amministrato da un canonico del Capitolo e tale rimase anche sotto la dominazione piemontese fino al riscatto nel 1839, con l’abolizione dei feudi.
Nella metà dell’8oo, la Sardegna è una delle ultime regioni europee nelle quali vige il regime feudale (l’abolizione dei feudi, viene sancita in modo irreversibile solo con la carta reale del 25 maggio del 1836) e divenne comune.
Il comune fu soppresso nel 1927 e aggregato a Senorbì con Decreto regio n° 1406 del 14 luglio1927.
Il comune riacquistò autonomia amministrativa con decreto legge parlamentare n° 113 del 21 gennaio 1947.
In effetti con le sue permanenze archeologiche Suelli testimonia i tre momenti più essenziali della sua storia: il”nuragico” (in epoca nuragica fu intensamente frequentato come confermano i numerosi nuraghi); il “giudicale”; il “baronale”; mentre dell’epoca romana si sa che fu attraversato dalla grande strada romana “Karalis – olbia” che conduceva attraverso le Barbagie.

 

Servizi di Informazione

»   Dictum Factum
»   Info Suelli
»   Ufitziu de lingua sarda

PLUS Trexenta

»   2007/2009
»   2010/2012

Piani

»   PUC - Doc. e Plan.
»   Piano Class. Acustica

Gas Bacino 26

»   Documentazione
»   Per saperne di più

Modulistica

»   Ufficio Amm.vo
»   Ufficio Contabile
»   Ufficio Tecnico
»   Ufficio Anagrafe
»   Modulistica Varia

Link Utili

»   Regione Sardegna
»   Provincia di Cagliari
»   Unione Europea
»   Concorsi Regionali
»   Sardegna Lavoro
»   Servizio Civile
»   ANCI
»   Unione dei Comuni
»   SUAP
»
   ARST
»   ASL
»   Gal
»   Giornale Trexenta
»   La Provincia del Sole
»   Alta Formazione
»   Codice Fiscale
»   Posta Certificata
»
   Notizie Ansa
»   Ins. Lavorativo

»   Conf. Sardegna

Tutto su Suelli

»   Eventi
»   Suelli Oggi
»
   Suelli Ieri
»
   Trexenta
»
   Territorio
»   Trenino Verde
»
   San Giorgio Vescovo
»
   Chiese
»
   Opere d'Arte
»
   Siti Archeologici
»
   Nuraghe Piscu
»
   Ricettività e Ristoraz.

   


» Comune di Suelli - Piazza Municipio 1 - Provincia di Cagliari - c.a.p. 09040
» Telefono 070/988015 - 070/988037 - fax 070/988353                 
» P.I. 01034550929 - C.F. 80016870927      


» Sito Internet: www.comunesuelli.it
» Indirizzo e-mail: ufficiosindacosuelli@gmail.com